sabato 18 gennaio 2014

Ho perso il lavoro, ma non so come fare a trovarne un altro.



Arrivate alla soglia dei 50 anni,  purtroppo può succedere che il lavoro che abbiamo sempre fatto ci venga tolto, dati i tempi grami in cui viviamo e improvvisamente ci ritroviamo  senza un’occupazione. La cosa più drammatica è che a 50 anni e oltre (ma spesso anche prima), nessuno vuole più assumerci, e quindi la ricerca di un nuovo impiego appare difficilissima.E invece non bisogna arrendersi e non bisogna avere paura.
Ci si deve invece mettere a tavolino e iniziare prima di tutto a fare una lista delle cose (di qualsiasi tipo) che sappiamo fare, anche extra lavorative. Per esempio ci sarà chi è brava a cucinare e chi è brava a cucire, chi è brava a scrivere e chi a fare i conti, chi sa usare bene il pc e chi sa rapportarsi con i bambini. Insomma sicuramente la lista delle attività che ogni donna è in grado di fare è lunghissima: basta soffermarcisi a pensare e verranno fuori tutte. Questo è il primo step.

A fine lista, si deve individuare quali bisogni potrebbero esserci nel giro delle nostre amicizie e conoscenze (anche in questo caso non dobbiamo porci limiti, vanno bene tutti, anche il panettiere dietro l’angolo) e capire se una delle nostre capacità può rispondere a tali bisogni; se sì allora bisogna proporsi. Se no, allargheremo il campo mettendo annunci su internet e cercando di fare il “passaparola”.

Per riuscire a trovare un nuovo lavoro bisogna prima di tutto dimenticarsi della propria età e  ancorarsi solo al nostro passato professionale, è meglio invece dare campo libero alla creatività e alla fantasia. 

Per fare un esempio che può sembrare stupido, ma non lo è affatto, una volta ho assunto un autista che in passato aveva fatto il Direttore Marketing!!! Beh, giuro, non ho mai avuto un autista migliore. A lui piaceva quel tipo di lavoro perché finalmente non aveva più responsabilità e a me piaceva l’idea di avere una persona con un passato professionale di tutto rispetto.

Non è necessario essere “creative” nel senso stretto della parola, basta guardarci dentro attentamente e individuare quali sono  le attività in cui la nostra esperienza, il nostro carattere, le nostre capacità potrebbero essere messe a frutto e….buttarsi. 

Nessun commento:

Posta un commento