martedì 4 febbraio 2014

Basta parlare di come eravamo!!!

Arrivare agli anta significa avere un passato, fatto di cose belle e di cose brutte, di ricordi e di rimpianti, di errori e di vittorie, quindi significa avere una grande ricchezza e una grande esperienza che deve servirci per la seconda parte della nostra vita.


Inutile recriminare su quello che poteva accadere e non e' accaduto inutile dire " se avessi detto, se avessi fatto", non e' stato detto e non e' stato fatto e non si puo' tornare indietro, quindi mettiamoci una pietra sopra , andiamo avanti ed evitiamo di ripetere gli stessi errori.
Non ci siamo sposate e ci troviamo sole in mezzo ad amici tutti maritati e con figli? Evitiamo di recriminare sul perchè abbiamo mandato al diavolo l ‘unico fidanzato che sopportava il nostro orrendo carattere e concentriamoci invece su quanto siamo fortunate ad avere il potere assoluto sul telecomando della tv!
Da ragazze avevamo delle gambe da urlo che mostravamo orgogliosamente con minigonne da infarto e oggi abbiamo un po’ di capillari in evidenza e qualche chilo in piu’ sulle cosce? Inutile continuare a guardarci allo specchio e spendere miliardi in Istituti di bellezza perche’ tolto un capillare dopo un mese ne verra’ fuori un altro, e adottiamo la soluzione piu’ efficace e drastica: cambiamo modo di vestire: pantaloni larghi e morbidi o abiti ampi e lunghi.
Siamo sempre state contornate di ragazzi belli e adoranti e adesso facciamo fatica a trovare un amico che ci porti al cinema? Chissenefrega, andiamo al cinema da sole! 
Insomma quello che voglio dire e' che se ci ancoriamo al passato, non vivremo il futuro. Sfruttiamone invece gli insegnamenti per vivere meglio.
Mi fa sempre molta compassione una mia amica 55enne ex bellissima, oggi non piu’ tale per via del troppo sole, dei troppi ritocchini, dei troppi stravizi fatti nel passato, che ha riempito la sua casa con le foto di quando era giovane e non fa che raccontare a chiunque le capiti sotto tiro di quanto era corteggiata, di quanti uomini ha ferito, di quanti complimenti riceveva quando camminava per le strade e cosi via. Praticamente parla solo del suo passato e non si ferma mai a pensare come potrebbe invece essere ancora ammirata, anche se un po' sfiorita, se solo si adeguasse senza continui e inutili rimpianti, all'eta' che ha oggi.



Nessun commento:

Posta un commento