martedì 18 febbraio 2014

Come faccio a tenermi mio marito?

E’ fatale, la crisi dei 50 anni non colpisce solo le donne, ma anche  per non dire soprattutto, gli uomini. Il che significa che spesso iniziano a “guardare altrove” per verificare se esiste ancora la loro capacità seduttiva.
Ma questa verifica a noi non interessa, anzi ci mette in allarme e, come tutte sappiamo, prevenire è meglio che curare!

Quindi, quali sono i segnali che dobbiamo cogliere e le relative contromosse da adottare?:

  • Inizia a cambiare taglio di capelli o, peggio, a tingerli. Come per le donne questo è un chiarissimo segnale di cambiamento.  Non chiedetegli il motivo, non ve lo direbbe o  borbotterebbe qualcosa di incomprensibile e sarebbe solo infastidito dalla vostra domanda.  Commentate semplicemente che stava meglio prima (ma non ditelo con sarcasmo), poi state all’erta!


  • Se prima era sempre in giacca e cravatta adesso si veste in modo più informale, o viceversa. Anche questo cambio di stile è un campanello di allarme, qualunque cosa vi dica per giustificarlo. In questo caso non denigratelo, ma iniziate anche voi a cambiare il vostro look adattandolo al suo. Nei corsi per venditori insegnano che imitare la postura , gli atteggiamenti e (quando possibile) l’abbigliamento dell’altro produce un “effetto simbiosi” molto positivo, cioè l’altro si “riconosce inconsciamente” in voi ed è quindi più propenso ad ascoltarvi. Nel caso di vostro marito, non vi ascolterà certamente, ma inconsciamente registrerà che siete sulla sua lunghezza d’onda (come l’eventuale “altra”) . Infatti se lui cambia look lo fa perché vuole adeguarsi allo stile di una donna probabilmente più giovane o professionalmente più intrigante e se lo cambiate anche voi, sarete allo  stesso livello della vostra “rivale”.


  • Prima di uscire si profuma come un damerino. Non protestate, semplicemente e perfidamente svuotategli ogni volta la bottiglia e se vi chiederà “hai usato tu oppure chi ha finito  il mio dopobarba o essenza” con aria angelica direte “non ne ho la minima idea, ma ne metti talmente tanto che evidentemente  finisce in fretta” . E’ un metodo costoso perché lo obbligherete a comprarlo molto più spesso, ma spesso, soprattutto se le finanze non sono fiorentissime, la smette.


  • Improvvisamente gli impegni di lavoro o le uscite con soli uomini si moltiplicano rispetto a prima.  Non dite niente, ma al suo ritorno frugate nelle sue tasche, controllate l’estratto conto della carta di credito, annusate i suoi abiti. Gli uomini furbi pagano in contanti, svuotano le tasche prima di rientrare a casa, ma non pensano MAI che il profumo di un’altra possa restare sui vestiti e questa è la chiave di volta per capire se davvero è uscito con gli amici o con dei clienti oppure  no.


  • Si chiude in bagno col cellulare (di solito la scusa è “così tu puoi continuare a vedere la tv e io non ti disturbo”) oppure lo stesso diventa intoccabile per voi. Ogni volta che per caso lo toccate lui salta su come se fosse colpito da una scossa e ve lo strappa di mano, non parliamone poi se squilla ad un’ora insolita…Anche qui siate sottili: fate finta di niente e appena si chiude in bagno attaccate l’orecchio alla porta e origliate! Se invece riceve la telefonata e  bisbiglia (“per non svegliarvi”) dite ad alta voce (molto alta e molto morbida)  “amore  lascia stare il telefono e torna qui”. Questa frase farà subito pensare all’altra che stavate facendo l’amore e lui avrà le sue belle difficoltà a convincerla che con voi non ha più rapporti.


Comunque, qualsiasi sia il segnale che vi sembra di aver colto, posto che vi interessi tenervi vostro marito, mettetevi immediatamente in azione: cambiate subito anche voi: cosa? Tutto! 

  • Il look (senza atteggiarvi a ragazzine, ma si può svecchiare il solito modo di vestirsi solo con qualche piccolo accorgimento)
  •  la pettinatura (colore, taglio, piega)
  •  il modo di fare (es da ordinatissima a disordinata  o viceversa – è  contro  la natura femminile lo so,  ma vale la pena fare uno sforzo) 
  • da sempre-in-casa-a-fare-la-mamma a ho-voglia-di uscire-a-divertirmi
  • il modo di parlargli (dal costante lamento per i soldi che mancano alla leggerezza del “domani è un altro giorno”
  • da quella che è-fedele-nei secoli a quella che flirteggia-con-tutti i suoi amici e conoscenti.  La civetteria è donna , imparate ad usarla ! Ricordatevi che l’uomo di istinto è cacciatore e vedere che un altro è interessato a quello che lui considera suo fa scattare subito il senso di rivalità e chi ne beneficerà sarete voi. Non a caso quando un uomo  chiede la separazione uno dei consigli più frequenti che si danno all’abbandonata è quello di farsi ancora più bella, di sembrare felice e far finta di  avere molti corteggiatori o addirittura una storia appena iniziata, e lui si chiederà come mai con lui non eravate così ecc ecc.).

Insomma la parola chiave è CAMBIAMENTO e a questo punto avrete capito che la miglior strategia non è l’attacco, ma la sottigliezza, il saper tramare, una certa  perfidia......

Certo se tutto questo non funziona allora fate una bella scenata come si deve (ma preparando prima con cura tutte le accuse con tanto di prove) e poi decidete se mollarlo o dargli un’altra chance. In fondo ricordate che dopo qualche mese di “finta giovinezza” e  alla prima defaillance, ritornano tutti  a  più miti consigli e magari la vostra coppia ne esce rafforzata. Non pochi uomini, dopo aver sperimentato che con una più giovane dopo un po’ non tengono più il passo, riapprezzano la solidità e la sicurezza che dà l’avere accanto una moglie che li conosce bene, che ha gli stessi gusti, abitudini ecc. e con cui non deve fingere di essere quello che non è.

Questo naturalmente vale solo ed esclusivamente se  quello di vostro marito è soltanto  uno “sbandamento”, se invece è vera e propria crisi allora il discorso è completamente diverso, perché se si tratta di una relazione extraconiugale seria, i trucchetti non servono, bisogna parlarne a fondo, discuterne e verificare bene le posizioni di entrambi per capire se e come portare avanti il matrimonio o chiuderlo.


Nessun commento:

Posta un commento