martedì 4 febbraio 2014

Da quando sono in menopausa non dormo più bene

Per moltissime donne la menopausa porta con se' davvero tanti cambiamenti. Il peggiore di tutti sono le vampate, che ti prendono a tradimento e ti fanno venire voglia di toglierti tutti i vestiti anche se sei in mezzo alla neve, oppure arrivano durante la notte cosi violente da costringerti a cambiare la camicia da notte che e' diventata fradicia. 


Il secondo importante cambiamento e' la durata e qualita' del sonno.
Chi e' sempre stata  abituata a dormire come un sasso per oltre 8 ore a notte, improvvisamente si ritrova sveglia come un grillo dopo sole 5 ore di sonno, anche se e' andata a letto tardissimo.
Altre invece, quelle che una volta non si svegliavano neppure se un esercito di bersaglieri avesse suonato in camera, si svegliano, senza alcun motivo apparente, due o tre volte per notte e hanno un sonno leggerissimo. Cosa e' successo? Niente di grave, solo un cambiamento ormonale che rivoluziona tutte le abitudini che ormai davamo per consolidate.
Il mio ginecologo afferma, (ma lui e' comunque un uomo, per quanto sia un bravo medico e quindi secondo me non ha neppure la più pallida idea di come sia vivere sulla propria pelle questi cambiamenti) che le donne super impegnate, cioè quelle che non hanno tempo di fermarsi a pensare a se stesse, non si accorgono affatto degli effetti della menopausa perchè non ci fanno caso: hanno una vampata? La considerano un momento di caldo, si tolgono il maglioncino o la giacca, aspettano che passi e continuano a fare quello che stavano facendo. Si svegliano di notte in un lago di sudore? Fanno una doccia e se ne vanno nel letto della stanza degli ospiti, bello asciutto. Si svegliano ogni mezz’ora? Si girano dall ‘altra parte e riprendono a dormire..
Facile no? Come dicevo, e' un uomo e per lui siamo solo delle lagne che fanno di un topolino una montagna. Per fortuna non tutti i ginecologi  la pensano cosi, ma molti sì, e quindi ti condiscono  con una bella terapia ormonale e via.
Io sono fortemente contraria alla terapia ormonale, a meno che non ci siano gravi motivi per adottarla, come ad esempio disturbi tali da impedire una vita sociale o un pesante stato depressivo. In assenza di queste situazioni , sono convinta che non valga la pena riempirsi di ormoni, quando ci sono molti altri rimedi piuttosto efficaci.
 Per esempio ci sono i fitoestrogeni, tipo il trifoglio rosso, che sono un buon rimedio per le vampate, cosi come il camminare a passo sostenuto per almeno mezz’ora al giorno aiuta molto a ridurle. Per il sonno invece, non c ‘e molto da fare, se non A) fare di necessita virtù e accettare di non poter più essere un ghiro e ad ogni risveglio non innervosirsi, ma cercare di rilassarsi e riprendere sonno. B) prima di dormire prendere della valeriana ( ma onestamente non ho visto grandi risultati) e C) il vero rimedio che ridà sonno felice e, se comunque non toglie i frequenti risvegli ne riduce notevolmente la durata di veglia: l' agopuntura.
Io non ci credevo ( non amo molto gli aghi) ma ho sperimentato di persona quanto invece sia efficace. Una seduta al mese per un anno e io sono passata indenne dai disturbi, anche se ogni volta che entravo nello studio dell’ agopuntore mi sentivo un porcospino....
Pero' nessun dolore, seduta velocissima, costo contenuto e risultati certi. Cosa volete di più? Provare per credere.


Nessun commento:

Posta un commento