lunedì 3 marzo 2014

Come faccio a riprendermi dopo aver festeggiato tutta notte?

Mentre quando eravamo più giovani potevamo tranquillamente passare la notte in discoteca , tornare a casa alle 5 del mattino e alzarci alle 7 senza alcun segno sul viso né con il cervello annebbiato, oggi, purtroppo non è più così.

Se usciamo e superiamo la mezzanotte, in noi scatta la Cenerentola, e possiamo anche ignorarla e continuare a godercela, ma lei l’indomani ce la farà pagare: occhiaie, pallore cadaverico, mal di testa, difficoltà di concentrazione, capelli che non tengono più la meravigliosa piega della sera prima e, soprattutto una stanchezza mortale e una fatica tremenda ad alzarci dal letto. E tutto questo senza magari aver bevuto un solo bicchiere di alcool……. Infatti non sto parlando del dopo sbornia, sto parlando della ripresa fisica e mentale dopo aver fatto  le ore piccole ; certo che se al far tardi aggiungiamo anche l’aver bevuto e fumato…….le cose si complicano di più. .

Ho  anche scoperto che non c’entra niente se siamo allodole o gufi (leggi: allodole: vanno sempre a letto presto e si alzano presto; gufi vanno sempre a letto tardi e si alzano tardi) perché qui non si tratta di essere state sveglie – anche se anche questo conta – bensì di aver ballato, parlato, riso, scherzato, cantato ecc ecc cioè aver fatto tutte quelle cose che non fanno certamente parte del nostro tran tran quotidiano.

Ci siamo divertite moltissimo, abbiamo sfoggiato il nostro look preferito , magari abbiamo fatto anche una conquista, ma il giorno dopo ci sentiamo peggio di un kleenex usato e, quel che è peggio è che non possiamo starcene a letto tutto il giorno!

Che fare?  Vediamo un po’:

  • appena apriamo gli occhi  non buttiamoci subito giù dal letto, (ammesso che ne siamo in grado…)ma passiamo qualche minuto stirandoci come fanno i gatti, in questo modo i muscoli si sveglieranno


  • facciamo qualche esercizio di stretching e un po’ di ginnastica dolce per i piedi. Avendo sollecitato per tutta notte dei muscoli che di solito  non si muovono  abbiamo prodotto molto acido lattico, che va eliminato.


  • dopo lo stretching è meglio fare un bel bagno caldo magari con un pizzico di sale e una mangiata di foglie di rosmarino: favoriscono la ripresa della circolazione e l’eliminazione dell’acido lattico


  • evitiamo a tutti i costi il caffè che pensiamo possa svegliarci e tonificarci mentre invece non farà che affaticare il fegato già provato e disidratarci.


  • facciamoci una bella tazza di tè verde o una spremuta di arancia che contiene tanta vitamina C  con  un’aspirina


  • se abbiamo gli occhi gonfi possiamo metterci una di quelle mascherine di plastica per occhi dopo averla tenuta nel freezer per 20 minuti, o, in mancanza di quella, lasciare due cucchiai da tè in freezer per 10 minuti e poi metterceli sulle palpebre. L’effetto sgonfiamento sarà lo stesso.


  • cerchiamo di mangiare carboidrati (pasta soprattutto) che ci fanno immagazzinare gli zuccheri persi.


  • per il viso possiamo passare un cubetto di ghiaccio (solo se non soffriamo di couperose!!!) o mettere in frigo un foglio di carta di alluminio (quella per conservare i cibi) e , dopo circa 1 ora mettercelo sul viso per qualche minuto.


  • per la mancanza di concentrazione invece dovremo imbottirci (si fa per dire, ovvio che non si deve esagerare)  di pastiglie di vitamina B1 B2 B3 e B6 ,  che non avranno effetto immediato, ma aiuteranno nel processo di ripristino della nostra capacità di ragionare !!!


  • cerchiamo di fare un riposino alle 14, non farà miracoli, ma ci aiuterà a tirar sera senza sbadigliare ogni due minuti.


  • accettiamo  la situazione, più di tanto non si può fare. Magari  alla prossima festa prenderemo qualche provvedimento prima, come ad esempio mangiare un uovo sodo (“fodera lo stomaco”), bere molta acqua così da non aver sete (la cosa peggiore è dissetarsi con l’alcool), evitare di uscire con amici che bevono come spugne.



Infine…se possibile, lasciate perdere tutto, giratevi dall’altra parte e ronfate tutto il giorno. Vi risveglierete l’indomani come nuove. Il sonno è davvero l’unico rimedio efficace.

Nessun commento:

Posta un commento