mercoledì 19 marzo 2014

Come mi comporto davanti a un uomo che mi piace?

Poiché l’amore non ha età, qualsiasi momento è buono per scoprire che ci piace un uomo, e vorremmo iniziare una relazione con lui,  solo che non siamo più le ragazze spavalde di un tempo e quindi dobbiamo cambiare totalmente il nostro modo di fare, parlare, atteggiarci davanti a una simile occasione per non apparire ridicole o, peggio, grottesche.

Io credo che la cosa principale sia cercare di capire se anche noi piacciamo a lui, altrimenti è guerra persa in partenza ed è inutile combatterla. 
Da cosa si capisce se anche lui ricambia il nostro interesse? Direi che il linguaggio del corpo può aiutarci in questa prima valutazione in quanto è la cosa più immediata che ci salta agli occhi.

Prima di illustrarvi  però quali sono i segnali corporei che dobbiamo verificare, ci tengo a sottolineare  che  tali segnali non costituiscono necessariamente un invito o una disponibilità, ma semplicemente dimostrano gradimento. Se poi  questo gradimento sfocerà o meno in una relazione è tutto da verificare.

Ecco una lista di quelli più facili da interpretare :

  • lui sta rivolto verso di voi anche se è lontano, 
  • se è seduto davanti a voi tiene le braccia aperte e non incrociate,
  • cerca il vostro sguardo
  • si sistema il nodo della cravatta
  • sta più eretto (quasi come se volesse prendere tutto il vostro campo visivo)
  • alza un po’ la voce per farsi sentire se siete lontane
  • se riuscite ad essergli così vicine da vedere bene i suoi occhi guardate se le pupille si allargano, in caso positivo , gli piacete.


Attenzione: alcuni uomini adottano invece la tattica del disinteresse, quindi vi ignorano palesemente. Dato che questo tipo di  comportamento è molto difficile da decodificare nell’esatto significato che l’uomo vuole dare, direi che, per non saper né leggere né scrivere, è meglio lasciar perdere.

Completato questo passaggio, gli altri segnali ci arriveranno man mano che lo conosceremo, ovviamente, ma ammettiamo che le indicazioni siano tutte positive , a questo punto voi come dovete comportarvi?

Dato che  non potete dirgli chiaramente che vi piace ,tenete un comportamento discreto, ma allusivo

  • ad esempio se fumate e lui vi accende la sigaretta posate la sua mano sulla sua per un secondo;
  • mentre gli parlate sfiorategli un braccio come per caso;
  • state parlando anche con altre persone, provate a fare una battuta e poi strizzategli l’occhio (è un gesto che crea complicità) ;
  • dimostrate che lo state ascoltando attentamente (gli uomini adorano essere ascoltati) anche se sta parlando del sesso delle balene del mar Baltico;
  • fatevi aiutare a fare qualcosa (avete presente “lui che corre in soccorso della lei “? Ecco , intendo qualcosa di simile) ;
  • chiedetegli la sua opinione (solletica il narcisismo) su qualche avvenimento, libro, film, ristorante ecc  (evitate la politica e la religione)
  • infine, una tecnica molto efficace è quella di adottare gli stessi atteggiamenti/gesti di lui è provato scientificamente che se una persona “copia” la postura  del proprio interlocutore, questi si sentirà invariabilmente in simbiosi con l’altro, quindi approfittatene.

Soprattutto ricordatevi le cose da non fare: 

  • essere invadenti,  
  • autoinvitarvi,  
  • ridere sguaiatamente per attirare la sua attenzione, 
  • chiedergli di uscire,   
  • appiccicarvi a lui per tutta la sera come una cozza,  
  • parlare male delle persone che vi circondano (una potrebbe essere sua sorella!!!),    
  • flirtare con tutti per far vedere che voi piacete e avete un sacco di corteggiatori, 
  • vestirsi in modo aggressivo,  
  • raccontargli i vostri pregressi dispiaceri amorosi o il vostro divorzio, 
  • dargli la caccia in modo plateale,  
  • fare le supermanager (anche se lo siete) perché rischiate di entrare in competizione.


Agli uomini over anta piace ancora fare “il cacciatore”  (molti i giovani invece preferiscono essere cacciati) e questa è una cosa da non dimenticare mai se volete farlo cadere ai vostri piedi.


Nessun commento:

Posta un commento