lunedì 31 marzo 2014

Come scoprire se la tua amica ci prova

Poco tempo fa una persona mi ha detto che non capiva perché una sua amica  chiamava sempre al telefono suo marito e mai lei e come mai  gli aveva chiesto l’amicizia su Facebook  senza chiederla anche a lei.
Ora, dovete sapere che il marito di questa persona è un gran bell’uomo, e  lei si fida perché sono molto innamorati, ma io le ho risposto “ fai bene a fidarti, ma tieni gli occhi aperti e soprattutto impara a  riconoscere chi cerca di soffiartelo.” 

Gli uomini , senza offesa per la categoria, sono molto più semplici di noi, usano meno strategie di conquista, le donne invece sono molto più sottili, e ,per fortuna non tutte ma in un numero abbastanza alto da farci stare in guardia, se ne infischiano altamente del fatto che l’uomo cui puntano sia sposato o fidanzato con una loro amica: lo vogliono e finchè lui (o la moglie) non diranno chiaramente e apertamente di piantarla, continueranno a provarci.

Già, direte voi, facile a dirsi, ma  come faccio a riconoscerle?

Eccovi alcuni consigli:

  • Pensate che nell’arco della vostra vita a due ci sarà sempre, prima o poi, qualcuna (amica, collega, parente, conoscente, cliente, architetto, medico, avvocato, notaio, commercialista, bancaria ecc) che ci proverà con il vostro lui, quindi occhi aperti, apertissimi.


  • Evitate di adagiarvi sulla fiducia , della serie “tanto ci amiamo, non mi tradirebbe mai”. Sono balle. Il mio primo marito mi diceva ogni giorno  di amarmi alla follia, talmente tanto che un bel giorno – come un fulmine a ciel sereno – mi ha annunciato che non era più innamorato di me e che se ne andava a vivere con la sua collega!!!!!!! E io, cretina che gli avevo dato tutta la mia fiducia per 10 anni……….bella ricompensa no? 

  • Quando siete in mezzo agli altri,  osservate bene come si comportano le donne quando parlano con il vostro compagno:

  • gli appoggiano casualmente una mano sul braccio?
  • Si fanno accendere la sigaretta e gli posano la mano sulla mano       (ufficialmente per riparare la fiammella)?
  • Si  accarezzano il collo?
  • Ridono per qualsiasi idiozia lui stia dicendo?
  • Gli fanno i complimenti per la cravatta o comunque l’abbigliamento?  
  • Gli chiedono di sostenerle mentre camminano perché con i tacchi alti si sentono insicure?
  • Scuotono continuamente i capelli?
  • Lo guardano  negli occhi molto più del necessario?
  • Lo sfidano con la scusa del gioco o di una scommessa?
  • Guarda caso sottolineano che hanno gli stessi gusti/interessi/hobbies? 
  • Gli chiedono cosa pensa della fedeltà?
  • A tavola “brigano” per riuscire a stare vicino a lui?
  • Lo prendono a braccetto ogni volta possibile?
  •  Accarezzano, sempre casualmente ovvio, la sua mano se  porge loro  un bicchiere?
  • Sedute davanti a lui accarezzano con un dito l'orlo del loro bicchiere o lo stelo? 
  • Gli mandano sms assolutamente innocenti, ma numerosi?
  • Cercano di sottolineare i vostri difetti rispetto ai loro pregi?
  • Vi prendono in giro (bonariamente) per qualcosa che a lui da fastidio e che voi fate?
  • Con la scusa che siete amici si fanno accompagnare a casa solo da lui (“a te non importa vero tesoro”?)


Se avete risposto sì anche solo a due di queste domande, siete in zona pericolo, quindi fate  attenzione.

Ricordatevi che il tipo di donna cui mi riferisco non si ferma davanti a niente e soprattutto è abilissima nel non far vedere – se non a un occhio attento – la sua strategia di attacco.

Quindi, se ci tenete a tenervi il vostro compagno:

  • cercate di capire cosa potrebbe avere l’altra che lo attira (a parte l’innato narcisismo maschile, per cui anche uno scorfano che li guarda suscita il piacere della vanità) Se lo avete capito, valutatene la portata: cioè ad esempio se lei ha 20 anni e voi 60 il problema si presenta duro, ma non insormontabile: basterà evitare di sottolineare che è una bambina (lui si sentirebbe ancora più ringalluzzito dal fatto di essere riuscito ad attirare l’attenzione di una giovanissima)  e far leva invece sul fatto che  vostra figlia ha la stessa età, oppure che conoscete bene i genitori, o ancora che non c’è niente di più triste e ridicolo del vedere un uomo con una ragazzina, suvvia un po’ di dignità!. Il tutto detto sempre in modo casuale, ma ripetuto. Se poi il fattaccio dovesse succedere comunque, vedrete che passati i primi 6 mesi lei si stuferà del “vecchio” e lui tornerà da voi. A quel punto deciderete se riprendervelo o mollarlo al suo destino.         Se invece  non si tratta di età ma di professione (lei è una manager di alto livello e voi una semplice impiegata) o di sex appeal (lei si veste con abiti attillatissimi e tacco 18 e voi in jeans e ballerine) o di nazionalità (lei brasiliana o argentina e voi italianissima) non demordete, ma sottolineate che le manager sono sempre stressate, chi vorrebbe  farsi vedere con una compagna vestita come una p....?, le italiane sono come la pasta: piacciono sempre!


  • Sfoderate le unghie (metaforicamente si capisce) e smettetela di fare gli agnellini: il vostro compagno è vostro e le altre devono capire dai segnali del corpo che mandate (uno sguardo ben  lanciato è un’arma di dissuasione potentissima) , dalle vostre parole (non dite mai “siamo così innamorati!!” perché suscitereste ancora di più l’istinto predatorio della rivale, ma dite invece “ tutte le donne gli fanno il filo, ma le poverette  non potranno mai sapere  qual è la cosa che davvero me lo farebbe perdere” ) dal vostro atteggiamento (es: siete a una festa e lui è lontano da voi e preda di una donna? Avvicinatevi sorridenti e troncate subito la conversazione portandovelo via con atteggiamento complice , della serie “io e te sappiamo perché ti porto via e lei no”):


  • Siate sempre complici del vostro compagno: lodatelo, ditegli che è bello, fatelo sentire importante, ma NON DITEGLI MAI che vi siete accorte che le donne gli corrono dietro. Se non se ne è accorto fino ad oggi perché aprirgli gli occhi? Potreste pentirvene amaramente, quindi tenetevi per voi la consapevolezza che altre tentano di portarvelo via e passate all’attacco, senza remore, paure, indecisioni o sensi di inferiorità. Lui ha scelto voi? E allora vuol dire che gli piacete voi, ma questo non vuole dire che dovete dormire sugli allori!











Nessun commento:

Posta un commento