martedì 22 aprile 2014

Usare internet??? Sembra facile, ma….

Dunque, quando ho imparato ad usare il pc, l’ho fatto alla mia maniera, cioè mi sono scritta voce per voce tutti i passaggi da “schiaccia il pulsante on per accendere, fino al “adesso puoi spegnere”. Pagine e pagine di istruzioni che una mia pazientissima segretaria (secondo me mi credeva un po’ scema )mi ha dettato.
Nel senso che lei mi spiegava dove cliccare per compiere una certa azione e io prima di farla scrivevo su un foglio il processo. Sarà stato lungo e noioso (per lei) , ma mi è servito tantissimo, perché un conto è vedere una che sa usare perfettamente il pc e che ti dice “ecco, vedi?, basta cliccare qui, poi vai qui, e infine scrivi” (e dato che lo sa fare lo fa molto velocemente e tu non riesci a seguirla, quindi il risultato è che ti senti una completa deficiente) e un conto è sapere esattamente – perché te lo sei scritto – quando, come e cosa cliccare.

Per farla breve, ho imparato. Non è che adesso io sia la maga del pc però , fino a qualche tempo  fa, ero convinta di sapermi destreggiare benino, tanto è vero che mi sono lanciata nell’avventura di diventare una blogger.

Devo dire, per essere completamente sincera, che il sito me l’ha fatto la persona che segue tutta la parte web per la mia società, ma i post li ho scritti io, le foto le ho cercate io e la pubblicazione l’ho fatta io.

Mi pareva di essere diventata una perfetta blogger, fino a quando non ho iniziato a ricevere alcune mail dalle mie lettrici che usavano espressioni per me assolutamente sconosciute tipo : hastag, taggare, selfie, e  captcha.  Panico assoluto.  Di che diavolo stavano parlando??????

Non osavo chiedere a mio nipote che, come tutti i ragazzini, sa tutto, e nemmeno alla mia web manager che mi avrebbe mandata a quel paese perché per lei questo è linguaggio comune, come per me l’italiano, quindi che fare?????? Vivere nell’ignoranza più assoluta? Non posso, sono o non sono una blogger? E allora me li sono cercati su google e ho capito che non sono poi termini così difficili da imparare.

Solo ed esclusivamente per dimostrarvi  che ho capito vi dico che : hastag è una  caratteristica per contrassegnare parole chiave su twitter (twitter so cos’è); taggare indica la possibilità di associare i nomi alle persone che appaiono nelle foto e nei video su facebook (anche Facebook so cos’è); selfie significa banalmente farsi un autoscatto con uno smartphone e infine il mio fiore all’occhiello, cioè quello che mi dava più preoccupazione di non capire CAPTCHA !!! ebbene ho scoperto che l’ho usato centinaia   di volte ma non sapevo che si chiamasse così. E un test utilizzato è quello in cui si richiede all'utente di scrivere quali siano le lettere o i numeri presenti in una sequenza, che appare distorta o offuscata sullo schermo e serve  per essere certi che chi scrive non sia un robot, ma una persona vera..

E poi ho scoperto we transfer!!!! Se devo inviare    file di grandi dimensioni (fino a 2 GB) a chiunque disponga di un indirizzo mail valido, basta che clicchi su we transfer e in modo molto veloce ecco che tutte le mie foto, documenti ecc arrivano a destinazione!! Fantastico.

Voi mi direte, ma che ti serve sapere queste parole? Sui post che pubblichi mica le usi, no? Risposta : no, ma mi seccava ignorare termini di cui quasi tutti quelli che lavorano su pc sanno perfettamente il significato e poi non mi va che mi prendano in castagna. 
Ergo….Ho chiesto alla mia web manager di avere pazienza e insegnarmi via via che le vengono in mente tutte le parole “strane” (per me) e di spiegarmele.

Ho capito che se rifiuti a priori una cosa – in questo caso un termine – non ne capirai mai né il significato né, soprattutto, l’utilità di impiego , mentre se lo sai potrai decidere di non usarlo, ma non resterai nell’ignoranza e io non voglio essere ignorante.

Quindi signore mie, se anche voi siete nella mia condizione, cioè credete di saper usare il pc, ma in realtà sapete solo scrivere in word, allora seguite il mio consiglio, aggiornatevi e vedrete che vi sentirete molto tecnologiche….


Nessun commento:

Posta un commento