lunedì 26 maggio 2014

Cosa faresti se...


L'argomento  di cui voglio scrivere oggi è scaturito, come sempre, dai miei incontri con alcune amiche. Tutte siamo  piene di certezze di fronte a certi avvenimenti, a determinate situazioni anche se  le dichiarazioni – com’è ovvio- si possono differenziare a seconda del carattere, età, esperienze.
Eccovi un piccola lista di domande e risposte dalla più scontata a quella più inusuale:

                  Cosa faresti se:

  • Vincessi alla lotteria : “comprerei casa” è stata la più frequente; a ruota sono seguite: “me ne andrei a vivere all’estero”, “comprerei un’auto di lusso o una villa enorme”, “viaggerei per tutto il mondo” e (per fortuna) “ne darei una parte in beneficienza”.


  • Ricevessi una proposta indecente: ricordate il film con Robert Redford? Beh, la risposta è stata quasi unanime: "accetterei" e "magari!" (ma con il Robert Redford di allora, non quello di oggi). Una ha addirittura detto “sarei dispostissima a pagarlo io…” Non posso che concordare.


  • Diventassi Premier:  la risposta univoca è stata “manderei via tutti”, spero – ma non ho approfondito – che non intendessero “farei una dittatura” perché per male che si vada una dittatura sarebbe una tragedia.


  • Scoprissi che la tua migliore amica ti ha rubato dei soldi: ancora una volta parere quasi unanime:  “ci resterei più che malissimo”.  Poi a seguire, ovviamente:  “le chiederei perché l’ha fatto”, “la denuncerei”, una è arrivata anche a dire “la prenderei a sberle”. Sicuramente – denaro a parte – in questo caso oltre i soldi si perde qualcosa di molto più importante e che fa molto più male.


  • Scoprissi che tuo marito ti tradisce: qui passiamo dal “lo perdonerei se fosse una scappatella, se invece  fosse una relazione chiederei il divorzio” a “lo butterei fuori di casa” ; dal “ lo avvelenerei piano piano” al “prendo lui e quell’altra e li faccio fuori”; dal “lo tradirei anch’io immediatamente e glielo farei sapere” al “mi ha già tradito e sono sopravvissuta, tanto sto con lui solo perché è ricco”. Non c’è che dire : una bella varietà, ce n’è per tutti i gusti…


  • Assistessi a un omicidio: nessun dubbio “prima mi nascondo, poi scappo, poi denuncio, ma in modo anonimo, non vorrei vendette…”. (Secondo me vediamo troppi gialli alla tv ………….)


  • Ricevessi una telefonata da un maniaco: “mi metto  a sospirare anch’io”; “lo insulto”; “aspetto che finisca e non replico, si stancherà non avendo risposta”; “mi spavento a morte”; “dico – anche se non è vero – che la telefonata è registrata dalla polizia”. Personalmente credo che questo genere di chiamate non avvenga più, perché adesso con il web è tutto molto più facile (per i maniaci intendo), però chi può dirlo?


  
  • Trovassi qualcuno capace di rivelarti il giorno esatto della tua morte: “non glielo chiederei mai, ho troppa paura”; “vorrei saperlo subito, magari è domani e io sto perdendo tempo”; “ non diciamo stupidaggini, come farebbe a saperlo?” ; “più che la mia data vorrei sapere quella di mio marito, così saprei  quando eredito”.



  • Ti fosse possibile diventare invisibile per un giorno? “andrei a vedere cosa compra e quanto spende davvero la mia amica che dice sempre che trova tutto a poco prezzo”; “pedinerei mio marito” (un classico!!); “ascolterei cosa dice il mio capo di me”; “farei una rapina in banca, tanto nessuno potrebbe mai riconoscermi”.


  • Se potessi tornare indietro nel tempo? : strano , ma vero: nessuna ha risposto. Sono (siamo) tutte soddisfatte di come/dove siamo.











Nessun commento:

Posta un commento