venerdì 26 dicembre 2014

Cosa fai a Capodanno?

Praticamente siamo ancora a Natale e già pensiamo  al Capodanno. Nonostante la crisi so che molte coppie hanno deciso di passare il capodanno all’ estero o in montagna, ma io  non le invidio affatto.

Tutta questa smania di evasione, di oblio, di rincorsa al divertimento a tutti i costi io non riesco a condividerla. Perché bisogna  divertirsi a tutti i costi? Chi l’ha detto? E se io voglio divertirmi come una pazza il 9 gennaio o il 17 ottobre, perché non posso farlo? Dice “si che puoi farlo, ma non sarebbe la stessa cosa”. No, certo che non sarebbe la stesa cosa (per fortuna). Niente botti che fanno spaventare a morte gli animali o che fanno saltare via le mani o gli occhi ai ragazzini inesperti. Niente obbligo di dire “che bello” quando magari non ci stiamo divertendo affatto. Niente obbligo di tirare mezzanotte quando invece la palpebra mi cade già alle 22….Niente viaggi faticosi , niente posti dover dovrebbe- esserci –la- neve-e-la-neve-non-c’è…

Vedo infatti alcune amiche affannatissime a fare valigie con dubbi atroci tipo “porto l’abito lungo? E se poi la festa e' informale che faccio? E se fa freddo? E se si muore dal caldo? E se mi ammalo? “E quindi giù roba nella valigia , compreso tutto  quello che ai tropici non servirà di sicuro, ma non si sa mai….. E poi bisogna fare anche  la  valigia del marito che non si sogna neppure lontanamente di aiutare o di farsela da solo , ma che pretende di avere tutto perfetto e adatto a qualsiasi evenienza.

Quindi dopo aver faticato come buoi per le varie cene e i vari pranzi natalizi, pieni di parenti più o meno serpenti, nessun riposo anzi bisogna correre! Per cosa? Per il passaporto che non si trova più eppure –lo- abbiamo- usato- l ‘anno -scorso –oddio- adesso -che -si -fa?  Per i  biglietti aerei che speriamo- la -compagnia -non –si- metta-a- fare- sciopero -proprio –domani. Per non scordare  il caricabatteria del cellulare perchè mica- possiamo- andare- nel –deserto- e -rischiare -di -restare –co- telefono- scarico? Nessuno naturalmente  pensa che difficilmente  nel deserto si possa trovare una presa di corrente, l’ importante e poter restare  sempre collegati col mondo ( e allora perché  non te ne stai casa??) Per ricordarsi di portare in pensione il cane o il gatto. Per far sapere a tutti gli amici che non ci saremo-perchè-quest'anno-andiamo-a-New York....ecc ecc ecc

E bisogna pensare anche all’ organizzazione del 31! Dove, con chi ,cosa....

Dubbio amletico: in casa? Sì, ma dopo la sfacchinata natalizia speriamo -che –ci- sia -qualcuno –che- ci -inviti ..” E se non ci invitano?” Vabbè tocca a noi mica- possiamo- fare- il- capodanno- da -soli –come- gli –sfigati, no?

Oppure una bella discoteca? Nooo troppo casino e troppe belle ragazze con cui non si può competere e che ci farebbero sentire ancora più cicciotte di quanto già ci sentiamo o più vecchie di quanto speriamo di dimostrare. 

In giro per le strade a festeggiare? Mmmh troppo pericoloso e troppa folla.

E allora? Casa no, a ballare  no,  giro per strada no.... ristorante? Nooo da burini. 

Trovare due amici e fare cenetta in casa+brindisino  magari –con- la- tv –sintonizzata- su -Rai 1 –così-siamo-certi-di-non-perdere il rintocco-+ auguri e poi alle 24,30 tutti a nanna?  Nooo!Tristissimo e fantozziano…. (chissà poi cos’ha di fantozziano cenare con un paio di amici….)

Ma, dico io, una bella serata come tutte le altre , in casa, senza per forza dover festeggiare l ‘inizio di un anno che non ha alcuna premessa per essere migliore di quello appena finito, non sarebbe meglio?
Niente spese che non ci possiamo permettere, niente cibi che non abbiamo mai mangiato in Italia, niente rischi di rotture di arti, niente bevute che il giorno dopo paghiamo caramente...

Certo non sfoggeremo nessun abito rosso e scintillante ( a parte che non è vero perchè se mi va posso anche metterne uno con lo strascico e le paillettes tanto sono a casa mia) , ma volete mettere quanto stress in meno e quanta libertà di essere noi stesse anche a Capodanno senza doverci per forza divertire a tutti i costi anche quando non ne abbiamo nessuna voglia nè motivo?

Provare per credere: i miei Capodanni più belli li ho passati andandomene a dormire alle 22, senza alcun rimpianto...........


Il capodanno è un’innocua istituzione annuale, utile solo come scusa per bevute promiscue, telefonate di amici e stupidi propositi.

Mark Twain, Lettera al Virginia City Territorial Enterprise, 1863

Nessun commento:

Posta un commento