domenica 21 dicembre 2014

E questa viene considerata "bella gente" ???


Ieri sfogliavo una rivista di gossip e sono letteralmente inorridita! Cioè è più che giusto che le riviste pubblichino certe notizie e certe foto, ma quello che mi chiedo è come fanno certe persone a non accorgersi di quanto sono ridicole, fuori luogo, esagerate…


C’era infatti un lungo  articolo sulle varie feste di Natale dei VIP (non solo attori e attrici, ma anche gente della politica e dei salotti bene) corredate di foto: ho visto delle cose così terribili che non posso esimermi dal commentare.

Ho visto un paio di signore più che attempate (cioè vicine agli 80) con la faccia piena di rughe, le spalle un po’ curve, le mani con unghie lunghe  e arcuate vestite con abiti di colori improbabili (verde smeraldo e giallo senape ) entrambi in tessuto lucido, entrambi lunghi, entrambi assolutamente inadatti alla figura che li indossava (una era uno scheletro, l’altra un baule). Le suddette avevano anche  i capelli acconciati da ragazzina (sciolti sulle spalle) e un trucco colorato!!!!! Ora io dico: va bene, sei una VIP, ma hai anche 80 anni,,,,un po’ di misura e di sana autocritica no eh?

Vado avanti: altre signore più giovani invece sfoggiavano abiti così luccicanti che sembravano tanti alberi di natale, unendo al tutto anche orecchini chandelier grandi come case… Oddio il fisico lo permetteva, ma certe scollature che mettevano in evidenza seni siliconati e fuori misura, potevano pure evitarsele.

E ancora: labbroni (quelli che non si usano più, ma ormai se te li sei fatti è un po’ dura ridurli) dipinti di rosso fuoco, ciglia finte  esageratamente lunghe, chili di cerone che si vedevano persino in foto…E questa sarebbe la “bella gente”? Ma per piacere!!!

E le pose? Chi con la mano sul fianco tipo modella (ma che niente aveva a che vedere con tale disinvoltura), chi letteralmente abbarbicata al compagno quasi a voler dimostrare a tutti che lui era suo e solo suo, chi seduta scompostamente perché un filo alticcia (e ovviamente in questo caso i fotografi dei giornali ci vanno a nozze)  chi a bocca-tipo-forno spalancata in una risata non certo elegante..

Ma non solo….uomini fotografati mentre sbirciano nella scollatura-con-seno-proprompente della vicina di tavola, donne riprese  mentre facevano di tutto per farsi notare , signore con pellicce enormi che, animalismo a parte, le ingoffavano perché sarebbero state bene solo a una alta 1,80.

E infine che dire di tutte le spiegazioni sui vari matrimoni? La tizia è l’ex moglie del tale che oggi si accompagna con la ex fidanzata del suo ex amico. Un trionfo di ex  che nessuno ci capisce più niente anche perché – ammesso e non concesso che ci interessi – i cambiamenti avvengono così rapidamente che si fa fatica a star dietro a tutti questi accoppiamenti.

Ma la cosa che più mi ha dato fastidio è stata  l’ostentazione: alberi di natale addobbati in modo che fastoso è dir poco, tavole  (indubbiamente stupende come mise en place) con talmente tanto cibo che si potrebbe sfamare un’intera popolazione africana, case piene zeppe di fiori che nemmeno un cimitero il giorno dei morti….. Insomma un tale tripudio di ricchezza che, a mio modesto avviso, oggi dati i tempi in cui viviamo è del tutto fuori luogo.  Sono ricchi? Beati loro. Sono  importanti? Beati loro. Sono belli ?(mmmmh qui ho qualche dubbio). Beati loro. Ma non li ha mai sfiorati il pensiero che sono  un tantinello esagerati nelle loro  esibizioni e che potrebbero urtare la sensibilità di chi è meno fortunato ? Non parlo per invidia (grazie a Dio non è nelle mie corde), ma solo per umanità e attenzione verso il mio prossimo.

Per concludere, l’impressione che ho ricavato è stata quella di una pletora di persone che tutto dovrebbero fare fuorchè farsi fotografare sui giornali. Meglio, molto meglio un sano ed elegante anonimato.

Il commercio più lucroso sarebbe quello di comprare la gente per quel che vale e di rivenderla per quel che crede di valere.      Véra de Bénardaky de Talleyrand-Périgord, Nuovi pensieri e vecchi ricordi, 1912


Nessun commento:

Posta un commento