sabato 10 gennaio 2015

Donne al volante...

Non me ne vogliano le donne che guidano, ma ho avuto modo di vedere che non tutte quelle che  sanno tenere in mano un volante sono anche brave nella guida. Oggi voglio proprio parlare di questa seconda tipologia, purtroppo ancora piuttosto diffusa, specialmente tra le over anta.....


Infatti spesso durante la guida:


si truccano: ne ho vista più di una (e purtroppo sono anche stata in auto con lei) tirare fuori specchietto, rossetto e matita per truccarsi mentre eravamo in autostrada (“tanto non c’è traffico”) oppure , peggio, nel centro città (“tanto è rosso”, peccato che appena scattava il verde tutti a suonare come pazzi perché nelle città è così, se non scatti come una lepre appena il semaforo cambia parte un coro di protesta che nemmeno gli studenti durante una manifestazione…)

Si guardano allo specchietto retrovisore. Questo è tipico delle donne che vogliono sempre sentirsi sicure di essere a posto, per cui a loro lo specchietto non serve per vedere se l’auto dietro è troppo vicina o se ha messo la freccia per superare…no! A loro serve esclusivamente per guardarsi ogni cinque minuti.

Perdono la strada. Ricordo che un giorno con una mia amica abbiamo girato per 3 ore continuando come due deficienti a ripercorrere la medesima strada senza accorgerci che era la stessa!        Ignobile!!!

Col buio non ci vedono. Tantissime donne che conosco, al calar delle ombre non vedono più una mazza . A questo proposito vi racconto una scena esilarante successa pochi giorni fa. Eravamo in 4, di cui  due che ci vedevano perfettamente (sedute dietro!!) , una, che guidava, e aveva  un occhio solo e l’altra (io) con  problemi di profondità, ma non solo, anche con  occhiali da sole al posto delle normali lenti anche se  ormai  era calata la sera!  La cosa più logica e ovvia sarebbe stata quella di fermarci e cambiare posto con le due dietro, ma noi, furbe come delle volpi, non ci abbiamo neppure pensato e siamo andate fino a casa a 40 all’ora facendo infuriare tutti quelli che si trovavano dietro di noi! Che bestie! 

Usano il telefonino per mandare  sms. Questo lo fanno anche gli uomini, ma le donne di più…..sarà perché gli uomini non riescono a fare due cose in contemporanea? ??

Alcune usano il telefonino per i selfie! Visto con i miei occhi…..

Si bloccano quando scorgono una vetrina incuranti di chi c’è dietro. Capita di continuo. Si sta andando, la donna che guida vede una borsa in vetrina e inchioda, per guardarla meglio, senza minimamente curarsi del fatto che qualcuno le possa venire addosso. E se glielo fai notare ti risponde “vabbè dai, è colpa sua che non rispetta la distanza di sicurezza”

Rubano il parcheggio. Sono abilissime nel fregarlo quando c’è un uomo alla guida dell’altra auto. Gli tagliano la strada, parcheggiano, scendono, gli fanno un sorriso a 3000 denti , se ne sbattono delle invettive che lui lancia e se ne vanno per la loro strada come se niente fosse.

Non sanno posteggiare. Niente da fare, sembra che posteggiare sia una delle cose più difficili del mondo per alcune donne. Io ero una di queste (quando guidavo) e sapete cosa facevo per ovviare alla situazione? Chiedevo a qualche passante di farlo per me! Però erano altri tempi, adesso facendo così si rischierebbe di vedersi volatilizzare l’auto sotto il naso, altro che posteggio!….

Non sanno fare benzina da sole. Anche questa è una delle cose che le donne detestano fare e se lo fanno smadonnano tutto il tempo perdendo ogni femminilità, soprattutto quando i soldi non entrano nella fessura ….

La loro  macchina (dentro) è strapiena di tutto. Le auto delle donne, soprattutto il bagagliaio,  sono dei ricettacoli di ogni ben di Dio: coperte, thermos, sacchetti vuoti della spesa, giocattoli, ombrelli, cianfrusaglie di ogni tipo. Una volta ho visto persino una sedia a dondolo da bimbo cacciata in qualche modo sul sedile posteriore e non era lì solo per essere trasportata….La cosa che fa ridere è che le loro case, invece, sono ordinatissime!!!

Non mettono le cinture perché “ mi danno fastidio alle tette. E’ vero le cinture danno fastidio alle tette, quindi se appena riescono (cioè su strade non battute da vigili) le donne non le mettono.

Non danno la precedenza. Di solito lo fanno per distrazione più che per incapacità di leggere i segnali. Una, una volta mi ha detto “ma scusa sono una donna, quindi la precedenza è mia, no? Questione di educazione!” Sarà..

Vanno forte. Quando si trovano tra le mai un’auto potente non c’è verso, si trasformano tutte in sosia di Felipe Massa. Il perché non è dato sapere, ma vanno come delle lepri e prendono multe come se piovesse.

Vanno pianissimo. Totalmente all’opposto, sono quelle che non superano i 50 nemmeno se le spingi. Per quanto mi riguarda ricordo che una sera di moltissimi anni fa, ero uscita con uno che mi faceva il filo e che era venuto a prendermi (per portarmi fuori a cena) in Porsche. Bene, a metà cena il tipo si sente male e mi chiede di riaccompagnarlo a casa con la sua auto. Io, terrorizzata, non avendo mai guidato altro che una Mini e una Cinquecento , l’ho caricato sull’auto e ho fatto tutto il tragitto dal ristorante a casa sua (circa 7 km) in seconda!!! Roba da rovinare il motore per sempre, ma avevo una tale paura di mettere la terza che ho preferito non rischiare… Chissà perché non l’ho più sentito….

Hanno paura di superare. Quando si trovano a dover superare un camion vanno in tilt, allora iniziano a mettere la freccia e ad uscire un po’ col muso, poi cambiano idea e rallentano, poi di nuovo ci riprovano, poi frenano ancora, insomma prima che si decidano passa un bel quarto d’ora e finalmente quando la decisione è presa….dall’altra parte arriva un’auto e non si può più sorpassare!!!!



Donna al volante pericolo costante  (da Magnaromagna.it) L’origine del famoso detto ha quasi due secoli. Nel maggio del 1899 viene data per la prima volta la patente a una donna: Mary Kies, negli Stati Uniti. Purtroppo poche ore dopo la donna provocherà un incidente  Questo l’evento storico che diede origine a questo motto.

Nessun commento:

Posta un commento