venerdì 3 aprile 2015

Cosa vorresti per essere felice?

Domanda la cui risposta potrebbe tranquillamente essere: dei soldi, la salute, l’amore, il lavoro……ma sono risposte generiche, date di getto, senza pensarci troppo su.

 Quello che invece io vi pongo come interrogativo è un pochino più profondo,  perché vorrei farvi riflettere su quello che è davvero importante per voi in questo momento della vostra vita.
Quali sono le vostre aspirazioni professionali? E quelle personali? Per voi  magari è più importante fare carriera piuttosto che avere un altro figlio, ma spesso queste cose non vengono ammesse, per paura di essere giudicate male dagli altri che non la pensano allo stesso modo.
Oppure la vostra aspirazione potrebbe essere quella di recitare o di cantare, ma avete ritegno a dichiararlo per paura di sentirvi deridere dalla gente. (“alla tua età! Ma dai!”).

Io invece sono convinta che ognuno abbia non solo il diritto, ma addirittura il dovere di  esporre chiaramente e veramente quali sono le cose che ci renderebbero felici perchè solo con la massima trasparenza potremo ottenere che qualcuno ci capisca e , perché no? ci possa aiutare a raggiungere quel preciso obiettivo. Smettiamola di nasconderci dietro le convenzioni, il “questo non si fa” e “questo non si dice “ e “ma nessuno mi prenderà sul serio” , “alla mia età” e via così…Se lo dichiariamo agli altri molto probabilmente , dato che lo verbalizziamo, ci convinceremo anche noi che è possibile, basta volerlo per davvero.

E smettiamola anche di avere paura del giudizio degli altri circa i nostri desideri

Se, per esempio, in questo periodo io avessi voglia di mangiare torta al cioccolato tutti i giorni per sentirmi felice, e questo non danneggia nessuno – tranne la mia ciccia , ma questo  è un problema esclusivamente mio – perché mai non potrei rispondere in questo modo alla domanda “cosa vorresti per essere felice”?

Posto che è molto difficile che si possa vincere al Superenalotto o che ci arrivi un’eredità dallo zio d’America, che l’amore magari non è più  alla nostra portata  per via dell’età o degli acciacchi, che il lavoro se non c’è è ben difficile ottenerlo, perché ci dobbiamo fossilizzare sugli stereotipi?

Perché non possiamo essere felici di essere sane, di essere piacenti, di essere intelligenti, di avere una famiglia (non necessariamente un marito) che ci vuole bene , di essere nelle condizioni di poter camminare, vedere, sentire, parlare….tutte cose che non tutti hanno la fortuna di avere e che spesso noi invece diamo per scontate…

Non dobbiamo avere paura dei nostri desideri, dobbiamo invece essere orgogliose di averne .
  


Possiamo essere felici, saremo felici, dovremmo essere felici. Abbiamo il diritto di essere felici.  Darrin M. McMahon, storia della felicità


Nessun commento:

Posta un commento